Inquinamento dell’Acqua potabile  a Paradiso

Individuate le cause, la situazione è tornata alla normalità

 

Di recente, la rete di distribuzione di acqua potabile gestita dalla nostra Azienda ha subìto un accidentale inquinamento batteriologico dell’acqua erogata.

 

Nel primo pomeriggio di venerdì 19 febbraio 2016, l’Azienda è stata informata dei risultati delle analisi sui campioni prelevati da AIL. Si è provveduto immediatamente a ricercare l’origine della problematica, coadiuvati anche da alcuni collaboratori delle AIL.

 

Le ricerche sono state eseguite mediante ulteriori analisi e una settorializzazione della rete e si sono protratte sino all’individuazione delle cause, restringendo il campo sino ad arrivare alle vasche dei due serbatoi di Morchino.

 

Durante la vuotatura di tali vasche, avvenuta domenica 21 mattina, sono stati constatati alcuni presunti segni d’infiltrazione dalla copertura del serbatoio. Nei giorni successivi, si è potuto verificare che alcune infiltrazioni erano effettivamente presenti nella vasca 3. Questa vasca, realizzata con fondo e pareti in cemento armato, ha una copertura in mattoni di cotto, a sua volta sovrastata da circa 1 metro di terreno vegetale. Presumibilmente, un leggero cedimento ha permesso all’acqua piovana d’infiltrarsi nel serbatoio, dopo essere penetrata attraverso gli strati di terra soprastanti. La vasca è stata subito messa fuori esercizio e lo rimarrà sino a un suo risanamento completo.

 

Desideriamo quindi, oltre alle dovute spiegazioni riguardanti le cause dell’inquinamento, esprimere il nostro rammarico per i disagi a cui l’utenza ha dovuto far fronte.

 

L’acqua potabile in Svizzera è considerata una derrata alimentare e viene quindi regolamentata in maniera particolarmente restrittiva. L’avviso di non potabilità trasmesso a livello precauzionale, e dato per tempo attraverso i media e il servizio di posta elettronica, è stato emesso a tutela di tutta l’utenza.

 

Quanto accaduto costituisce un evento raro ed eccezionale che non va messo in relazione con altre situazioni del passato. Da questa esperienza, l’Azienda Acqua Potabile di Paradiso trarrà tutti gli spunti possibili per migliorare il proprio servizio, a partire dall’aspetto della comunicazione, anche con lo studio di nuove modalità informatiche d’annuncio delle informazioni, e con un protocollo d’allarme mirato a diramare le misure di comportamento in casi urgenti.

 

A questo proposito, invitiamo l’utenza che ancora non abbia avuto modo di farlo, di annunciare all’ufficio controllo abitanti il proprio indirizzo di posta elettronica per ricevere comunicati e informazioni tramite il nostro servizio d’informazione e comunicazione.

 

Confermiamo che l’Azienda Acqua Potabile opera al meglio delle proprie capacità e con la massima professionalità. Il personale che si occupa delle opere di approvvigionamento ha ricevuto una formazione adeguata, è responsabilizzato e di fiducia. L’AAP per legge fa regolarmente analizzare l’acqua e presenta i risultati al Laboratorio cantonale, l’istituzione di vigilanza preposta che opera in modo molto severo e scrupoloso.

 

Malgrado tutta l’attenzione prestata a volte alcuni eventi fanno necessariamente scattare l’allarme di non potabilità dell’acqua per il quale ancora ci scusiamo, pur sapendo che lavoriamo costantemente per sempre migliorare il nostro servizio.

 

Il Municipio, nella concreta circostanza, ringrazia le AIL della collaborazione, tutta l’utenza del Comune di Paradiso, Savosa e dei comparti serviti da AIL per la comprensione e la pazienza dimostrate, in considerazione anche del protrarsi della non potabilità dell’acqua.

Per informazioni:Azienda Acqua Potabiletel. 091 985 04 39Paradiso, 7 marzo 2016

image_printStampa

Potrebbero interessarti anche...